Articolo pubblicato su Avvenire del 02-06-2009