Articolo pubblicato sulla Gazzetta di Parma del 03-02-2009